Virginia Raggi si arrende: Dimessa come sindaca di Roma.

Di Ermes Maiolica

L’arresto di Raffaele Marra si era trasformato in uno tsunami per la giunta RaggiDavide Casaleggio eBeppe Grillo avevano le distanze dalla sindaca, sospendendo o pretendendo l’autosospensione del primo cittadino di Roma con un post già pronto e solo da pubblicare sul blog pentastellato. Poi lo stop e la decisione di attendere se e quali ricadute sulla persona della prima cittadina possa averel’inchiesta che ha portato in manette il suo fedelissimo Così, unico modo per salvarsi dopo il pressing sulla giunta, la rinuncia di Virginia al “Raggio magico”. La resa arriva dopo cinque ore di vertice pomeridiano al termine del quale salta la testa di Salvatore Romeo e viene ridimensionato anche Daniele Frongia. Per spiegare le decisioni Raggi si affida a una nota dopo aver lasciato l’incontro in auto senza rilasciare dichiarazioni. Questa mattina invece la decisione shock, Virginia Raggi si è dimessa come Sindaca di Roma per sua decisione.

A breve gli aggiornamenti

16 thoughts on “Virginia Raggi si arrende: Dimessa come sindaca di Roma.

    • ROMA CAPITALE ,13 MILIARDI DI DEBITI ED I GIUDICI PRESTATI ALLA POLITICA

      La politica e’ l’arte del compromesso mentre il mestiere dei giudici e’ esattemente l’opposto.

      Da troppo tempo si assiste al fenomeno di giudici che saltano la barricata per passare nel campo della politica.

      Gli scopi, vista la loro preparazione professionale ,non possono essere che due, ma diametralmente opposti:

      -aiutare I politici onesti a scoprire disonesti

      -aiutare I politici disonesti ad non incorrere nella giustizia

      Se lo scopo con cui entrano in politica e’ il primo, e’ lapalissiano che questo lavoro verrebbe meglio continuando a fare il loro mestiere, quello in cui sono preparati e di cui conoscono il linguaggio ed I meccanismi.

      Ad esempio ,se un magistrato che viene dalla Corte dei Conti si mette in aspettativa e si presta alla politica facendo l’amministratore di un ente pubblico passa da controllore a controllato dall’ufficio di cui era controllore.

      Stessa situazione di un magistrato di una corte di appello, che in passato ha seguito le cause dei risparmiatori contro le banche,cioe’ questioni di diritto bancario che nulla hanno a che fare con funzioni giurisdizionali ,amministrative,vigilanza in materia fiscale sulle entrate e spese pubbliche all’interno del bilancio di un ente pubblico.

      Non e’ facile leggere I bilanci,capire I meccanismi della finanza strutturata.

      Risanare un bilancio di 13 miliardi di perdite di Roma Capitale, pesa sugli sbarbati grillini come una montagna mentre la loro esperienza pesa come una piuma.

      Specialmente in un sistema dove l’economia della regione si basa storicamente su un intreccio affaristico

      di clientelismi politici ben collaudati ,

      basati sulla spesa pubblica,

      che se interrotto, senza idee chiare su come sostituirlo rapidamente con una nuova forma di economia legale ,

      rischia di affossare la gia’ fragile economia della regione.

      Spiace dirlo con questa brutale analisi della situazione ma , cari amici pentastellati,non basta esibire qualche giudice nel consiglio comunale per acquistare credibilita’ politica e sopratutto economico amministrativa, ci vuole ben altro per sconfiggere la Mafia Capitale.

      Se giudici e dirigenti Consob non sono stati in grado di provvedere con I mezzi che possedevano quando sedevano nelle loro sedi istituzionali, lontani dai condizionamenti della politica ,

      adesso non saranno certo in grado di fare meglio come comuni cittadini.

      Non fatevi illusioni,

      non esiste alcuna intercabiabilita tra politici e magistrati,

      la prova e’ che nessun politico si e’ mai sognato di andare a fare il magistrato.

      Se proprio volete fare bella figura , andate dai vostri vicini nello stato del Vaticano e fatevi prestare qualche prelato del Collegio dei Chierici della Camera Apostolica

      quelli si che se ne intendono di amministrazione pubblica ,

      sono il piu grande padrone di casa del pianeta

      sanno tutto sulle banche d’affari over the counter e speculazioni mercato grigio,

      conoscono I romani e vantano una esperienza ininterrotta dal XIII secolo.

      E magari, in attesa della fine dei tempi,

      vi guadagnerete una bella sepoltura in una bella basilica romana ,

      assieme ai vescovi in S. Apollinare

      come il boss della Magliana Enrico de Pedis ( renatino).

      Cari grillini ,non e’ il caso di disperare, come vedete le vie della provvidenza sono infinite

      Gualtiero Sans Avoir

      Mi piace

  1. E bravi grillo e casaleggio, prendono le distanze….dalla RAGGI, complimenti al sostegno per una di LORO, ma andatevene AFFANCULO, pezzi di merda, l’avete data in pasto a QUEI FIGLI DI GRANDISSIMA ZOCCOLA del PD….Partito Di MERDA !!! ImpiccateVi !!!

    Mi piace

  2. inutile offenderli, questi semi-orfani di basso borgo sono abituati a ricevere insulti , di tutto e di più e scrivono solo cazzate .Sono figli della guerra, sono alla ricerca del loro padre,la loro madre ha ricordi confusi perchè lavorava molto, mentalmente sono frustrati……..

    Mi piace

  3. certo ke sta virginia é stata trop ingenua a fidarsi d ex esponenti pd.
    se cera Meloni forse era meglio x governare na citta corotta e complessa cm Roma!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...