Salerno- Reggio Calabria: crollato un ponte il giorno dopo l’inaugurazione

Di Ermes Maiolica

Con l’apertura al traffico della Galleria Larìa (Cosenza), si concludevano i lavori (avviati nel 1955) per la realizzazione della Salerno-Reggio Calabria, si, in teoria, peccato che stamattina è crollato una parte del ponte al 13esimo chilometro, costruito 50 anni fa, perché ovviamente hanno inaugurato un percorso che già ha bisogno di ristrutturazione,percorribile tutta a tre e due corsie per senso di marcia con standard autostradali. Per inaugurarla, il Ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio e il Presidente di Anas Gianni Vittorio Armani stanno percorrendo tutto il tracciato ancora sano, insieme ai giornalisti. Il viaggio si conclude a Villa San Giovanni, alla presenza del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. «Oggi si doveva chiudere un’epoca iniziata negli anni ’60 e si mette la parola fine alla storia di un’opera raccontata per generazioni come l’eterna incompiuta» ha commentato il presidente dell’Anas. >Dopo 55 anni chiuso ultimo cantiere Salerno-Reggio Calabria ma ci vorranno anni per rustrutturarlo.

91 thoughts on “Salerno- Reggio Calabria: crollato un ponte il giorno dopo l’inaugurazione

  1. l’unico commento che mi sento di lasciare è che mi dispiace che in quelle auto che vedo lì non c’è nessuno di quelli che ha detto per merito nostro abbiamo aperto l’autostrada . Adesso sono proprio curioso di vedere quanto ci mettono a risistemarla !!!!!

    Mi piace

  2. Come se avessero incartato scatole vuote per poter far in tempo di metterle sotto l’albero di Natale. E’ ormai umiliante, per noi cittadini, dover sopportare e subire tutto questo! Chi può fermare sti individui?

    Mi piace

  3. quella autostrada è sempre stata il bancomat della mafia calabrese, lavori costati miliardi ed eseguiti con la merda … tutti sanno questi fatti ma il business $$ ha sempre vinto sulla legalità … quella autostrada andava costruita dal genio militare, con la presenza degli incursori solo così si sarebbe potuto fare questa strada in sicurezza e costi giusti !!! Ma questa soluzione avrebbe fatto perdere miliardi a tutti coloro che hanno e stanno inzuppando il biscotto !!!

    Mi piace

  4. ennesimo esempio di uno dei governi farsa, ha vinto il no non per salvini e company ma per l’inutilità di questi governi, parenti e amici … il Rinascimento é nato in Italia nel 1500, l’immensa stupidità in questi ultimi decenni.

    Mi piace

  5. c’è da rimanere stupiti; non sto qui ad imprecare alla classe politica che non ha vigilato; ma alla realtà calabrese che è punteggiata da briganti avidi e interessati solo ad arricchirsi senza ritegno e in violazioni delle leggi morali e di rito.Che ne pensano dei calabresi dinnanzi a siffatte macerie?

    Mi piace

  6. inagurazione di cosa scusate!!!!!!!!!!!!!!!!e i tratti ke vanno da Morano Calabro a Firmo,da Cosenza Sud ad Altilia,da Pizzo Calabro a Sant’Onofrio e x concludere quello che da Villa San GIovanni a Reggio Calabria resteranno incompiute e vecchie di 60 anni nn sono neanche state messe in sicurezza piene di buche e gadrail inadeguati VERGOGNA!!!!!!!!!

    Mi piace

  7. Ora vediamo se la carta stampata e le TV usereranno lo stesso metro di misura che stanno usando con per il comune di Roma
    . Avanti signori giornalisti fateci sognare.

    Mi piace

  8. non sono Calabrese, percorro da anni la salerno reggio, tutte queste stronzate della mafia o altro non mi convincono, o meglio diciamo che questi appalti nascono per finanziare i marchettari della politica in generale, le nostre imprese hanno un livello elevato di tecnologia, il nostro problema è lo stato e i suoi parassiti collegati, non serve Anac, o altri controllori che controllano i controllati, con i centri di appalto per favorire gli amici!!! intanto lo stato impari ad essere preciso nei pagamenti alle imprese, poi fate gare e appalti chiusi con imprese direttte, senza coop e consorzi, con subappalti in cascata e fedeiussioni, totali, chi sbaglia paga!!

    Liked by 1 persona

  9. Allora vuol dire che il nostro sistema è marcio, a partire dal poco impegno e nessuna responsabilità dei dipendenti, delle ditte, delle aziende, alla superficialità dei professionisti, dei burocrati fino a tutte le colpe possibili dei politici.

    Mi piace

  10. Comete fíjate?
    Almeno fatelo risparmiandoci queste figuracce davanti al Mondo interno, cioe’ fíjate un po’ di meno in modo da completare l’opera senza grossi danni.

    Mi piace

  11. Pensandoci bene, solo 50 anni per costruirlo, 40 miliardi di costo ….
    La colpa è nostra: o emigriamo, o non paghiamo più le tasse o facciamo piazzapulita della spazzatura che abbiamo lasciato rubare a man bassa!
    Carcere avitanon basta: pena di morte e buona volontà di fare piazza pulita

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...